AGO


AGO 490px.jpg Fondata nel 1900 da un gruppo di privati, la Art Gallery of Ontario di Toronto è oggi uno dei maggiori musei di arte antica, moderna e contemporanea del nord America. Dopo un lungo periodo di lavori, la struttura è stata riaperta al pubblico il 14 novembre 2008, con un progetto di ampliamento e ammodernamento che porta la firma di Frank O. Gehry. Dopo tre anni di lavori, gli spazi di nuova costruzione hanno consentito una crescita complessiva dell'edificio del 20% circa, con un incremento degli spazi espositivi pari al 47%. Ago comprende lavori di famosi artisti come Betty Goodwin, Kazuo Nakamura, David Blackwood, l'artista americano Robert Motherwell, la maggiore esposizione pubblica delle opere dello scultore Henry Moore, diversi capolavori di arte europea, una significativa collezione di fotografia e una collezione contemporanea, in costante evoluzione, che testimonia la trasformazione dei movimenti artistici di Canada, U.S. ed Europa.

AGO 1.jpg AGO 2.jpg
AGO 3.jpg AGO 4.jpg

Nel novembre del 2008, Ago ha riaperto con una mostra intitolata Edward Burtynsky on Site, un'indagine fotografica sulla trasformazione della struttura stessa ad opera di Frank Gehry.

La serie di immagini catturate dall'occhio del noto fotografo documentano la complessità del processo che ha trasformato la struttura urbana.

L'inaugurazione del nuovo edificio è stata celebrata con una serie di Moleskine cahiers, in vendita nel gift shop del museo. Due set di cahier neri (pocket e large) sono stati serigrafati con i bozzetti originali di Gehry e avvolti in una fascetta traslucida. Il processo dell'architetto è stato stampato sul retro: "Frank Gehry ha dichiarato che l'idea per il design di un edificio gli appare spesso come un sogno, e deve rapidamente catturarlo su carta. I bozzetti relativi all' Art Gallery of Ontario catturano l'essenza dell'architettura dell'edificio." Se la grande arte deve ispirare, questi taccuini sono gli ideali compagni di questo museo.