Toasted Head


toasted490.jpg La vineria Toasted Head, situata dal 1995 nella contea di Yolo, è lontana dagli itinerari turistici di Napa Valley, ma ai suoi estimatori, che hanno un debole per l'irriverenza, piace così. Piuttosto che investire nelle fastose costruzioni tipiche dello stile di Napa Valley, hanno situato la loro collezione di più di 20,000 botti di quercia in edifici simili a granai che si affacciano sul paesaggio rustico delle Dunnigan Hills, con le sue vigne e i suoi campi di grano. La vineria produce otto vini vincitori di premi, fra cui il trio che compone la nuova serie Barrel Reserve.

Il nome del marchio si deve all'antica pratica di abbrustolire il capo delle botti per arricchire il vino con un sapore "tostato". Il misterioso orso sputa fuoco che appare sull'etichetta è ispirato a un disegno creato da Robert Shetterly per un poema di William Carpenter intitolato ""Speaking Fire at Stones." La poesia recita: "Ognuna di queste pietre contiene un orso. Devi solo lasciarlo bruciare", il che, metaforicamente parlando, è probabilmente come i produttori di vino di Toasted Head Barry Bergman, Owen Smith e Blake Kuhn vivono il loro lavoro.

toasted1.giftoasted2.gif

La sala di degustazione è aperta cinque giorni alla settimana, e la vineria ospita eventi durante tutto l'anno, fra cui la "Toasted Head Cooking School", dove gli chef mostrano ai partecipanti come cucinare i prodotti locali (La Contea di Yolo vanta la più alta concentrazione di agricoltori organici della California) e che vino abbinare ai loro pranzi.

Nel marzo del 2009, ai giornalisti del paese sono stati inviati dei taccuini Moleskine reporter, con una fascetta nella stessa posizione dell'etichetta di un vino, raffigurante il marchio Toasted Head e il suo simbolo. L'orso appare due volte, sia con timbro a secco sulla copertina che su una cartolina inclusa nel taccuino. Quest'ultima racconta la storia della vineria e la sua devozione all'arte della produzione vinicola, invitando i destinatari a prendere nota della nuova collezione Barrel Reserve. "Dato che i giornalisti sono abili a dipingere con le parole" - è scritto- "speriamo che alcuni sorsi dei vini Toasted Head's Barrel Reserve vi ispirino a fissare le vostre prime impressioni e ad annotarle sulle pagine del vostro notebook Moleskine.