Moma Atlantic Pacific


momapacific490.jpg

Coerente con la sua mission di ispirare, il Moma (Museo di Arte Moderna) incoraggia una comprensione profonda e appassionata dell'arte del nostro tempo. Come New York, il Moma attrae un'audience internazionale- ciò è evidente sin dall'ingresso dei visitatori nell'atrio del museo, dove risuonano lingue provenienti da tutto il mondo- ma all'inizio del 2009 il luogo si è orientato dal globale al locale.

Dal 10 febbraio al 15 marzo, il Moma è rimasto aperto 24 ore su 24 nella stazione metropolitana Brooklyn's Atlantic Avenue/Pacific Street. Le riproduzioni di 58 opere d'arte della collezione del museo hanno riempito la stazione, invitando il pubblico a osservare le immagini di classici di Pablo Picasso, Vincent van Gogh, Charles Eames, Man Ray, Georgia O'Keeffe, Cindy Sherman, Andy Warhol e altri noti artisti, registi e designer. Seguendo la mission del Moma di diffondere la cultura, degli avvisi situati sui telefoni nelle banchine della metropolitana invitavano i passanti a comporre il numero apposito del Moma per ascoltare il commento audio sulle opere.

momapacific1.jpgmomapacific2.gif 

L'installazione è stata realizzata da thehappycorp global ed è stata ideata con l'obiettivo di distogliere i pendolari dalla loro trance abituale e introdurre un cambiamento nella loro routine, anche solo per un momento. Collegando 10 diverse linee metropolitane, la stazione Atlantic Avenue/Pacific Street ha una posizione unica nel raggiungere un ampio numero di persone, e Moma Atlantic/Pacific è diventato un richiamo al museo reale, e gli originali Picasso e Pollock si trovavano vicino. Online, il sito del progetto era aggiornato con regolarità con le immagini dell'installazione spedite dal pubblico via Flickr.

L'installazione è stata celebrata con una speciale mostra inaugurale rivolta alla stampa e agli invitati selezionati. Per l'occasione è stato realizzato un Moleskine notebook personalizzato, con la fascetta ispirata ai trasporti e del movimento, che dichiarava "Welcome" e "Thank you" sulla grafica con le frecce presa in prestito al logo the MoMA Atlantic/Pacific. All'interno della copertina si trovavano invece informazioni sia sull'installazione che sul museo.