Detour, la mostra che si sfoglia su web



                             Christian Lacroix, Fashion Designer  - Detour 2008, Parigi

Una mostra digitale, da sfogliare in video, con oltre 250 taccuini d'autore, decorati, hackerati, trasformati in sculture o in graphic novel, riempiti di note, schizzi, dipinti, disegni. Gli autori hanno i background più diversi, rappresentativi di tutte le professioni creative che hanno nel taccuino Moleskine un alleato per la propria professione: musicisti, critici d'arte, registi, artisti visivi, designer, architetti, fotografi. Nella versione digitale di Detour, ogni taccuino è presentato sotto forma di foto e di video da sfogliare. Di ogni taccuino vengono ripercorsi i movimenti, perché oltre che in forma digitale, Detour viaggia anche per il mondo in forma fisica.
  
Detour Exhibition_genarale_235_02.jpg Detour Exhibition_generale_235_01.jpg

Londra, New York, Parigi, Berlino, Istanbul, Tokyo, Venezia e Shanghai, le città che nel corso degli anni hanno ospitato l'evento, offrendo al pubblico un'esperienza tattile oltre che visiva: come nella versione digitale, il pubblico ha l'opportunità di sfogliare i taccuini e di seguire il processo creativo dell'autore, mentre si sviluppa sulle pagine, pagina dopo pagina.
Tanti e diversi i taccuini in mostra. Il regista Mike Figgis lo riempie di note scritte su pezzetti di carta, vecchie fotografie, ritagli presi dai suoi film. Schizzi a matita ed evidenziatore, ritratti di donne, oggetti e disegni mobili compaiono sul taccuino di Karim Rashid. Quello di Maira Kalman è percorso da 7 paia di scarpe, come a raccontare una lenta camminata in punta di piedi. Abigail Hunt ritaglia il percorso del Tamigi in tutta la sua lunghezza sulle pagine ripiegate a fisarmonica. Tra i più significativi anche quelli di Giuseppe Amato, Ron Arad, Martí Guixé, Yves Behar, Ross Lovegrove, Antonio Marras, Hans Ulrich Obrist, Karim Said, Valerio Berruti, Giovanni Sollima, Zhang Yuan e molti altri ancora. 

Detour Exhibition_235_03.jpg Detour Exhibition_235_04.jpg

I taccuini Detour sono donati dagli autori a lettera27, fondazione non-profit  che promuove il diritto all'istruzione e l'accesso alla conoscenza. lettera27 gestisce l'archivio di taccuini e lo mette a disposizione per gli eventi Detour organizzati da Moleskine intorno al mondo.

Curatore: Raffaella Guidobono.

Visita la mostra qui


Print in MSK format