Ecriture Infinie / Infinite Writing

06 settembre 2011


Scarica PDF

Una capsula del tempo per otto maestosi volumi scritti a mano. Un progetto artistico che celebra il rito di passaggio tra la scrittura manuale così come la conosciamo e quella del futuro. Presentato al Festivaletteratura di Mantova, 7-11 settembre 2011.

Sabato 10 settembre - 19.15: Is handwriting still alive?
Il curatore Simon Njami incontra Maria Sebregondi per esplorare le idee e la storia che si cela dietro Ecriture Infinie.

Ecriture Infinie / Infinite Writing è la celebrazione di un'invenzione che risale a 3500 anni fa: la scrittura a mano, che sta vivendo un cambiamento epocale, in gran parte sostituita da quella digitale per molte attività di routine, per tramutarsi da necessità quotidiana a fonte di piacere e di ricerca, riaffermando così le sue origini magiche, artistiche e sacre.

Ecriture Infinie è un progetto artistico di Bili Bidjocka: otto volumi in formato gigante fatti di pagine vuote, mute. Ogni tanto uno dei libri fa un' apparizione nel mondo. Una grande scrivania, una lampada, una penna. Una alla volta, le persone possono avvicinarsi alle pagine e lasciare il loro segno. Sono invitate a scrivere come se fosse l'ultima volta che possono scrivere a mano. L'accento è non tanto sulle parole quanto sul gesto della penna che scorre sulla carta. Una volta completato, ogni volume viene sigillato, avvolto in un panno e nascosto in un luogo segreto, come in una capsula del tempo. Coloro che troveranno i libri tra migliaia di anni saranno in grado di decifrarli?

Ecriture Infinie si estende all'universo digitale. Sul sito web dedicato il pubblico può seguire i movimenti dell'Ottavo Libro della collezione Ecriture Infinie, un gigantesco taccuino, contributo di Moleskine al progetto. E anche sperimentare con una forma ibrida di scrittura condivisa, tra analogico e digitale, condividendo online immagini o video nella gallery, testimonianza del come e del perché si scrive a mano.

Pagine vuote, interrogativi aperti.
I libri di Ecriture Infinie ci raccontano una storia che spazia dai volumi sacri dei tempi antichi al futuro remoto della capsula del tempo. E sollevano interrogativi. Ricercatori nel campo dell'estetica e della neurolinguistica, insieme a psicologi cognitivi, scrittori, e artisti visivi, saranno invitati a partecipare al progetto, a lasciare un loro segno sull'Ottavo Libro e utilizzarlo come occasione per dibattere: come cambiano i processi cognitivi e creativi quando carta e penna sono sostituite da piattaforme digitali? Come cambiano le capacità di memorizzazione? Quali sono le implicazioni della crescente importanza del pollice rispetto all'indice, con i dispositivi mobili? Le apparizioni dei libri saranno accompagnate da conferenze e dibattiti ospitati da istituzioni culturali e artistiche, biblioteche e festival letterari.

Ecriture Infinie con Moleskine al Festivaletteratura di Mantova, 7-11 settembre 2011.
Mentre i sette volumi esistenti della collezione viaggiano per il mondo dal 2006, l'Ottavo Libro, creato in collaborazione con Moleskine, farà la sua prima apparizione in pubblico e il suo debutto dal 7 all'11 settembre al Festivaletteratura di Mantova. L'installazione sarà presentata nella ex chiesa di Santa Maria della Vittoria. È la prima tappa di un viaggio che porterà il libro in giro per il mondo. Sabato 10 settembre, alle ore 19.00, il progetto sarà presentato dal curatore Simon Njami e da Maria Sebregondi, mente creativa all'origine del mitico marchio culturale Moleskine.

Un progetto artistico di Bili Bidjocka
Ecriture Infinie è stato presentato per la prima volta nel 2006 presso il Mori Art Museum di Tokyo. Gli altri volumi sono stati esposti al Museet di Stoccolma, e alla Biennale di Venezia del 2007, nell'ambito di Check List - Luanda Pop. L'ottavo libro, nuovo tassello di questa storia, è nato dall'incontro tra l'artista e Moleskine, editore di libri ancora da scrivere. L'Ottavo Libro è presentato in collaborazione con la fondazione non-profit lettera27.

Ecriture Infinie è un progetto artistico di Bili Bidjocka. L'artista camerunense vive tra Parigi, Bruxelles e New York. Le sue opere sono stato esposte alle Biennali di Johannesburg (1997), L'Avana (1997), Dakar (2000), Taipei (2004), e Venezia (2007), presso il New Museum of Contemporary Art a New York e nella mostra itinerante Africa Remix (Düsseldorf, London, Parigi, Tokyo, Johannesburg, 2005-2007). Ha fondato il Contemporary Art Center Matrix Art Project di Bruxelles, di cui è direttore.

Ecriture Infinie è curato da Simon Njami. Nato a Losanna con origini in Cameron, vive attualmente in Francia. Critico d'arte, narratore e saggista, è consulente dell'Association Française d'Action Artistique nonché cofondatore e caporedattore della "Revue Noire." Dal 2001 è direttore artistico della Biennale di fotografia di Bamako, e nel 2007, con Fernando Alvim, è stato curatore del primo Padiglione Africano alla 52a Biennale di Venezia. Ha curato varie mostre di arte contemporanea africana, tra cui Africa Remix e la prima edizione della African Art Fair, a Johannesburg, nel 2008.

Simon Njami e Bili Bidjocka hanno entrambi partecipato a Detour, mostra collettiva itinerante di Moleskine iniziata nel 2006.

Moleskine è un editore e un marchio di design, specializzato in pagine bianche, piattaforme aperte per l'organizzazione del tempo e delle idee e, - a partire dal 2011 - anche strumenti per la scrittura, la lettura e la vita in movimento. Moleskine è una dimostrazione della straordinaria vivacità del mondo della scrittura e del disegno a mano, con crescente seguito di affezionati utilizzatori in tutto il mondo. A far da sfondo alla storia di Ecriture Infinie la questione a lungo dibattuta della possibilità che gli strumenti digitali prendano il sopravvento su quelli analogici, tema lontano dall'essere risolto. La cosa certa è che la maggior parte di noi utilizza con disinvoltura i due tipi di strumenti, abbinandoli anche in nuovi flussi di lavoro ibridi. Moleskine crede nella continuità tra strumenti analogici e digitali per organizzare tempo e idee, in quanto hanno atmosfere diverse e servono scopi diversi, per differenti mansioni e situazioni.

www.ecritureinfinie.org.
Per visitare la galleria online seguite questo link.

ECRITURE INFINIE al Festival Letteratura di Mantova.
Installazione: Chiesa di Santa Maria della Vittoria, 7-11 Settembre 2011, ore 10-18

Incontro aperto: "Is Handwriting Still Alive?". Il curatore Simon Njami incontra Maria Sebregondi di Moleskine per parlare del passato, presente e futuro della scrittura a mano. Sabato 10 Settembre, ore 7.15

Per ogni aggiornamento iscrivetevi alla mailing list.

Per organizzare interviste e per ogni altro dettaglio:
Silvia Trenta: silvia.trenta@moleskine.com - T.+39 02434498.1